• Seguici su...

  • Le citazioni

    • Non è con l’intelligenza che si capisce Dio, ma è la vita che Lo fa comprendere. (Lev Tolstoj)
  • Newsletter

Home » Le insidie del male » Halloween, parla una ex satanista

Halloween, parla una ex satanista

Scritto da , sezione: Le insidie del male 9661 2

halloween header

Fonte (estratto dal libro autobiografico):
“Michela, Fuggita da Satana. La mia lotta per scappare dall’Inferno” Edizioni PIEMME (Una storia vera)

 

Scrive “Michela”, ex satanista, ora suora consacrata Suor Angela (comunità Nuovi Orizzonti) dopo numerosissimi esorcismi e un viaggio decisivo a Medjugorje:

 

 

“Tra fine ottobre e inizio novembre, ossia nelle notti precedenti Halloween (31 ottobre) e la memoria dei Defunti (2 novembre), c’era poi l’unico appuntamento in un cimitero, dove profanavamo delle tombe e ne ru­bavamo le ossa, facendo uno specifico rituale che alla fi­ne le distruggeva.

 

Qualche volta mi è anche capitato di partecipare a un rito in una struttura che sembrava una piccola chiesa. Recentemente ne ho avuto una spiegazione, leggendo la denuncia dell’esperto padre Francesco Bamonte: «Nel corso delle vendite di varie cappelle non più utilizzate per il culto, è accaduto che qualcuna di esse sia stata acquistata proprio da individui che, nascondendo la loro appartenenza a gruppi di satanisti, le hanno poi utilizzate (e utilizzano tutt’ora!) per i loro riti nefandi».

 

 

Un “anno liturgico” al contrario

 

“Dopo la conversione mi ha colpito quanto i satanisti conoscessero tutte le feste della Chiesa e come fossero riusciti a elaborare dei riti che si ponevano in diretta ed evidente opposizione alla liturgia cattolica. Il primo esempio è ovviamente la messa nera, che veniva celebrata in tutti gli appuntamenti e che si concludeva sempre con il sacrilegio dell’ostia consacrata. In contrapposizione alla sacralità dell’altare ecclesiastico, noi “consacravamo” il luogo della cerimonia disegnando, dinanzi all’altare, il «pentacolo»: la stella a cinque punte contornata dal cerchio. Il simbolo veniva realizzato spargendo per terra una polvere di colore nero o rosso. I riti si svolgevano ogni sabato, per dissacrare la domenica, ma anche nelle vigilie di numerose feste cattoliche. Così poteva accadere che ci vedessimo pure per tre notti di seguito. Nel 1995, per esempio, Natale venne di lunedì e così celebrammo il sabato, la domenica e anche il lunedì notte, vigilia di Santo Stefano. L’appuntamento per l’inizio eraintorno a mezzanotte, ma il cuore della cerimonia era sempre verso le tre del mattino, in contrapposizione alle tre del pomeriggio della morte di Cristo. Poteva essere l’offerta di una ragazza, oppure il rapporto del Sacerdote con l’iniziata: quando sono stata consacrata io, il momento clou delle tre è stato l’inserimento dell’ostia nella vagina.

 

Sono rimasta molto colpita quando, in tempi più recenti, ho letto il Diario di santa Faustina Kowalska, l’apostola della Divina Misericordia, e ho compreso ancor meglio il significato di quell’ora benedetta nella quale il Salvatore spirò sulla croce. Scriveva la religiosa, riportando le parole che le aveva rivolto Gesù in persona: «Alle tre del pomeriggio implora la mia misericordia, specialmente per i peccatori, e sia pure per un breve momento immergiti nella mia passione, particolarmente nel mio abbandono al momento della morte. È un’ora di grande misericordia per il mondo intero. In quell’ora non rifiuterò nulla all’anima che mi prega per la mia passione». A suor Faustina Gesù aveva anche ispirato una preghiera, assicurandole: «Quando reciterai questa preghiera con cuore pentito e con fede per qualche peccatore, gli concederò la grazia della conversione». Penso che valga la pena proporre qui quel testo, che la religiosa recitava più volte al giorno: «O Sangue e Acqua, che scaturisti dal Cuore di Gesù come sorgente di misericordia per noi, confido in te».

 

Numerose feste di santi erano momenti fortissimi della nostra anti-liturgia, come accadeva per esempio nella vigilia dei santi Pietro e Paolo e in quelle degli altri apostoli. Particolare accanimento c’era nelle vigilie di quelli che in vita erano stati più attivi nella lotta contro il demonio. Gemma Galgani si trovava in primissima posizione, e insieme con lei veniva attaccata anche la Congregazione passionista. Lo stesso accadeva con Francesco d’Assisi e la Famiglia francescana e con Benedetto da Norcia e la Famiglia benedettina. Quest’ultimo santo era odiato specificamente a motivo della nota medaglia-croce a lui intitolata, che porta incise alcune sigle esorcistiche: N.D.S.M.D. {Non draco sit mihi dux – Non sia il demonio il mio capo); V.R.S.N.S.M. V. (Vade retro, Satana; numquam suade mihi vana – Allontanati, Satana; non mi indurre in cose vane); S.M.Q.L.I.V.B. (Sunt mala quae libas; ipse venena bibas – Sono cattive le tue bevande; bevi tu stesso i tuoi veleni). Secondo la tradizione devozionale, tramandata nei testi benedettini, la medaglia-croce «scaccia dai corpi umani ogni malefìcio, legatura e qualunque opera diabolica; in qualsivoglia luogo dove è collocata non vi si può accostare persona malefica; rende sicuri gli uomini vessati dall’astuzia e malizia del demonio; è un’arma potentissima contro ogni tentazione, principalmente per conservarsi la purezza del cuore e della mente». I santi venivano osteggiati in quanto erano persone che avevano suscitato avversione in Satana. Insieme con loro si attaccavano anche i devoti. Un esempio è padre Pio, che alla metà degli anni Novanta non era ancora beato (lo sarà nel 1999, e santo nel 2002). Contro di lui si diceva di tutto: si potrebbe affermare che i satanisti lo avevano canonizzato prima dei cattolici, o comunque erano convinti in anticipo della sua santità, ben prima che venisse proclamata ufficialmente dalla Chiesa. C’era inoltre una precisa ritualità contro i suoi «figli spirituali» e contro tutti i suoi devoti, associati ai Gruppi di preghiera: venivano proprio fatte delle maledizioni su di loro e queste espressioni di maledizione potevano durare n’oretta, all’interno della messa nera.

 

 

Le “litanie” delle maledizioni

 

Il periodo più intenso era comunque quello della Settimana Santa. Si trattava davvero di un’ “odissea” perché i riti si susseguivano ogni notte, con modalità diverse, e noi ne uscivamo a pezzi. Cinque giorni di seguito, dal mercoledì alla domenica, nei quali vivevo in un clima di follia umana, continuamente in preda alla droga – la cocaina e le gocce della Dottoressa – che assumevo anche durante le cerimonie. In quella settimana non c’erano rapporti con l’esterno, non lavoravo. Il rito andava avanti fino alle sette-otto del mattino, poi rientravo a casa della Dottoressa e restavo con lei in questa atmosfera diabolica fino alla sera, quando tornavamo nella cripta. Era un periodo particolarmente dedicato ai rapporti sessuali con gli animali. In queste cerimonie, come in quelle dei santi, c’era una particolarità: mentre normalmente veniva raccolto e messo nel calice soltanto il sangue dell’animale sacrificato (uccello, cane, caprone…), qui veniva strappato dal petto il cuore dell’animale e lo si metteva nel calice, per bruciarlo poi a cerimonia ultimata. Il culmine si raggiungeva nelle notti fra il Venerdì e il Sabato Santo e fra il Sabato Santo e la Domenica di Pasqua: per noi in quei momenti Cristo era morto e Satana era il vincitore.”

 

” […] Al centro di questa particolare attenzione c’erano diversi esorcisti, di cui il Sacerdote di Satana ha l’elenco e le fotografie: l’allora arcivescovo Emmanuel Milingo, il vescovo Andrea Gemma, il defunto padre Candido Amantini, don Gabriele Amorth, padre Matteo La Grua. Ce n’erano altri ancora, dei quali non ricordo più i nomi. Era come una litania dei santi al contrario. Si proclamavano i loro nomi e si lanciavano maledizioni: «Che tu non possa più esercitare», «Che ti colga una malattia mortale»… Insomma “gliele tiravamo”, come si dice a Roma! Per ciascuno di loro il Sacerdote prendeva la foto, la mostrava al semicerchio di adepti e la bruciava nel braciere, guardandola con attenzione.

 

Allo stesso modo venivano trattati i fuoriusciti, quelli che avevano abbandonato la setta. I loro nomi venivano maledetti e io stessa oggi posso testimoniare che qualche effetto si manifesta. La costanza e la fedeltà che gli adepti hanno nella persecuzione degli “ex” sono inesauribili. Ci sono due-tre momenti l’anno un po’ più intensi in cui passo delle nottate “animate”. Per esempio ho la sensazione che gli ossicini del corpo mi si rompano a uno a uno, come se qualcuno me li spezzasse. Oppure c’è qualche mobile che si sposta da una parte all’altra. E allora mi dico che a me piace ogni tanto modificare la disposizione dell’arredamento e dunque l’Eterno Padre permette che ciò accada, così da evitare che lo faccia io col rischio di beccarmi il mal di schiena…

Non venivano risparmiate nemmeno le vittime delle cosiddette “stragi del sabato sera”. A un certo punto della messa nera c’era un confratello che passava al Sacerdote una lista con i nomi delle persone che erano morte in tutta Italia a causa di incidenti stradali nel sabato precedente. Lui le leggeva e a ogni nome c’era un boato da parte nostra. Sembrerà assurdo, ma noi sentivamo un moto d’orgoglio, perché consideravamo quei giovani – dei quali la maggior parte era morta sotto l’effetto di droga come dannati, in quanto ci sembrava difficile che la loro anima fosse andata in paradiso. Per i satanisti sono infatti seguaci impliciti del demonio anche tutti quelli che decidono volontariamente di distruggersi mediante la droga, oppure quelli che mercificano il proprio corpo attraverso i rapporti sessuali. Ogni sabato notte consacravamo in modo indiretto tutti costoro e in particolare offrivamo a Satana i giovani che sarebbero morti durante quelle ore. Era insomma come un rituale in due tempi. Nella prima parte venivano proclamati i nomi di quelli morti il sabato sera precedente. Si sentivano cognomi di regioni diverse, mediamente da tre-quattro fino a una decina, e non c’è mai stata una circostanza nella quale non ci fosse almeno un nome. Nella seconda parte venivano invece consacrate tutte le persone che sarebbero morte quella notte dopo la discoteca, sotto l’effetto di droga e alcol. Non si trattava di una maledizione generica, ma di una vera e propria sequenza specifica. A ripensarci oggi, mi risulta sconvolgente che – come i cattolici affidano le anime dei morenti a Dio – così noi affidavamo quelle anime a Satana.”

 

Commenti

  1. rivolgiti ad un sacerdote esorcista…va ad un santuario e confessati bene…di sicuro hai dei disturbi dovuti alle tue passioni sbagliate su tarocchi ed altro…non sottovalutare nulla va da un bravo sacerdote se non ne trovi cerca in i ternet…ma per prima cosa con fessati è gia un primo grande esorcismo questo..pentiti e butta tutto cio che hai on casa…affidati a Dio…non coltivare più il demonio..lui ti portera a vivere male malissimo fidati..

  2. Ciao! Avete mai avuto problemi legati al culto del demonio? Dovremmo parlare di piu di questo, io ho avuto problemi di acufenia, vuoti di memoria, invasioni di insetti in casa, colpi la notte, rumori di scatole, di muri, persone che passeggiano sopra la mia testa per diversi minuti avanti e indietro, rumori di sassi nell’acqua, gusto di metallo in bocca un po amarognolo, attratto da argomenti come cannibalismo satanico, aurea di protezioni, a casa ho un paio di tarocchi marsigliesi ma che non uso, forse poche volte li ho provati, il sistema della torre a risposte chiuse, livello base, ho la denominazione di indici numerici per richiamare entita, come dicevo prima, disturbi di acufenia, e cocofonia, disturbi della percezione, sull’olfatto, l’udito, l’equilibrio, il tatto e piu in generale sull’energia, oh flusso sanguigno . ho provato a ingurgitare secrezioni proprie, ho commesso adulterio una sola volta con una escort madre, le mie preghere spesso si riassumono in unire suoni celebrativi sulla linea di ricordi di altri suoni percepiti .
    mi sapete dire a riguardo a cosa vado incontro? Grazie per la gentile collaborazione e di confronto .

Commenta

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.