• Seguici su...

  • Le citazioni

    • Osserva l’arcobaleno e benedici Colui che l’ha fatto, è bellissimo nel suo splendore. (Siracide 43:11)
  • Newsletter

New Age

Scritto da , sezione: Le insidie del male 6264 5

new age header

Negli ultimi decenni nel mondo occidentale (e parte di quello orientale, seppur in minor intensità) si è diffusa un nuovo tipo di “spiritualità”, una nuova fede che, riprendendo verità teologiche da diverse realtà religiose, si propone di spingere il mondo verso una “Nuova Era” – appunto New Age.
Gli elementi che in essa possiamo trovare fanno riferimento al Buddismo ed all’Induismo con la reincarnazione ed i mantra, alla Wicca con i rituali per la terra e gli spiriti elementali, al Cristianesimo, al Taoismo riprendendo estratti di Zhuang-Zi e all’occultismo e lo sciamanesimo con i viaggi astrali e le varie tipologie di magia.
A questo viene aggiunta la promozione di medicine alternative, teorie ufologiche, cospirazionismo ed astrologia.
Questo gran calderone confusionario, volendo riprendere diverse convinzioni spirituali, va inevitabilmente a sminuire le stesse e le religioni originarie, distruggendone l’unicità.
Tuttavia l’obiettivo principale della New Age è il superamento stesso di esse, considerate ormai “vecchie” ed obsolete, verso una nuova concezione della spiritualità in vista del “Cambiamento d’Era” – ovvero la mitologica introduzione dell’era dell’Acquario, epoca d’orata alla quale si crede appartenesse anche la fantomatica Atlantide 12.000 anni fa.
Durante questo passaggio di “eoni”, secondo la New Age, s’assisterà ad un’evoluzione spirituale, favorita anche dagli “amici” alieni.
Dunque, oltre alle religioni attuali nel mondo, il credo della “Nuova Era” tende a rifarsi ad antiche concezioni del tempo, diviso quindi in epoche o ere, nella generale visione del tempo ciclico.

Non esistono strutture ufficiali o linee guida. Piuttosto, esistono piccolo gruppi di persone sparse per il globo che lavorano per dei fini comuni e sporadicamente si riuniscono per discuterne.

 

Queste concezioni e credenze della New Age potrebbero risulare innocue se non fosse che, allo stesso tempo, viene proclamato: “L’uomo è Dio, perciò all’uomo non serve il Dio delle vecchie religioni”.
Questo tipo d’affermazione, non presente in nessuna religione se non in culti misterici, era già stata ideata dall’occultista ottocentesca Blavatsky e dai filosofi Nietzsche ed Arthur Schopenhauer, rinomati per il loro odio verso il Cristianesimo.
Tuttavia il primo in assoluto che propose questo inganno all’umanità fu proprio il serpente antico, Satana, nel giardino dell’Eden:

 

Ma il serpente disse alla donna: «Non morirete affatto! Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male».
(Genesi 3:4)

 

Le origini: massoneria e satanismo

Il XIX secolo vide senza dubbio una rinascita di culti antichi, pagani e della magia, introducendo anche grazie allo “sdoganamento” del male da parte del Romanticismo – con la trasformazione del demonio da nemico infernale in eroe decaduto ed infelice – un nuovo tipo di spiritualità rivolta niente di meno che allo stesso angelo caduto, Lucifero.
Tra gli esponenti di spicco di questa “nuova spiritualità” troviamo l’occultista ucraina Helena Blavatsky, il massone Albert Pike, la saggista inglese Annie Wood Besant, l’ex vescovo cattolico Charles Webster Leadbeater, l’esoterista e massone Ailester Crowley ed il famoso filosofo Rudolf Steiner.
 

Helena Blavatsky

Helena Blavatsky

La prima personalità che abbiamo citato, Helena Blavatsky, fondò nel 1875 la Società teosofica (dal greco θεός, “dio”, e σοφία, “sapienza”), definendo la teosofia con queste parole: “la saggezza accumulata nel corso delle Ere (…) provata e verificata da generazioni di profeti“.
In sostanza ciò che la New Age afferma oggi d’essere.
Già allora la Blavatsky decise dunque, in linea con alcune correnti di pensiero del XVIII e del XIX secolo, d’adottare a piacimento gli insegnamenti di diverse religioni con il fine di poterne estrapolare una sorta di verità assoluta, un insieme di “insegnamenti” e massime filosofiche in grado di poter descrivere la realtà fisica e metafisica.
Una verità che doveva necessariamente avere elementi di gnosi per poter attrarre le menti di numerosi pensatori ed intellettuali del tempo, i quali sempre più fortemente ricercavano elementi di contraddistizione e “elevazione” per sfuggire alla monotonia del tempo.
Tuttavia questa “verità” che poi propose al mondo nella sua opera “La dottrina segreta” (1888) non esisteva in alcuna religione antica o contemporanea:

 
 

Satana, o il Dragone Rosso Infuocato, il “Signore del Fosforo” e Lucifero, o “Portatore di Luce”, è in noi: è la nostra Mente, il nostro Tentatore e Redentore, il nostro Liberatore intelligente e Salvatore dal puro animalismo.

 

Tralasciando l’assurdità dell’affermazione, ci si chiede: per quale motivo decise di scegliere Satana, con tutte le figure metafisiche che esistono nelle religioni? La risposta è semplice: poichè il diavolo fu il primo ad affermare che l’uomo non è diverso da Dio, perciò l’uomo può divenire Dio. Satana dunque, secondo tale concezione, fu benevolo nell’offrire il frutto proibito ad Adamo e Eva.
Questa teoria probabilmente fu ripresa – in maniera del tutto arbitraria e confusionaria – dal mito di Prometeo e dell’antica figura semidivina pagana della luce Lucifero, altrimenti detto Fosforo.
Ovviamente il tutto era contornato di dottrine sulla metempsicosi, sui mantra e sulla speranza di una “Nuova Era”.
Non a caso questo tipo di movimento teosofico trovò facilmente l’approvazione e la simpatia di diverse loggie massoniche dell’epoca e di oggi (il Grande Oriente d’Italia organizza periodicamente conferenze sulla società teosofica e massoneria).
La Blavatsky, stando a quanto riferiscono diversi documenti, combattè in Italia nel 1867 a fianco di Mazzini e Garibaldi: fonti massoniche affermano che furono proprio quest’ultimi due ad introdurla alla massoneria.
In aggiunta si potrebbe riportare il caso del massone Albert Pike, uno tra gli esponenti citati, il quale, evidentemente già a conoscenza d’un “progetto” per una nuova era, scrisse così a Mazzini in una lettera riguardo il futuro dell’umanità:

 

Noi scateneremo i nichilisti e gli atei e provocheremo un cataclisma sociale formidabile che mostrerà chiaramente, in tutto il suo orrore, alle nazioni, l’effetto dell’ateismo assoluto, origine della barbarie e della sovversione sanguinaria. Allora, ovunque, i cittadini, obbligati a difendersi contro una minoranza mondiale di rivoluzionari, (…) riceveranno la vera luce attraverso la manifestazione universale della pura dottrina di Lucifero rivelata finalmente alla vista del pubblico, manifestazione alla quale seguirà la distruzione della Cristianità e dell’ateismo conquistati e schiacciati allo stesso tempo!
(Lettera del 15 agosto 1871, Biblioteca del British Museum di Londra)

 

Naturalmente la frase “pura dottrina di Lucifero” fa riferimento alla teosofia ed al suo discendente, la New Age: l’annullamento delle religioni pre-esistenti in favore della “verità” della Blavatsky, una “verità” già esistente in molti ambiti massonici.

 

New Age oggi

A differenza di quanto si creda, la New Age nel mondo moderno influenza ed è presente ai più alti livelli di potere, molto più di quanto lo siano le altre religioni.

 

Logo della Lucis Trust

Logo della Lucis Trust

Forse in pochi di voi hanno sentito nominare la Lucis Trust: organizzazzione esoterica, fu fondata direttamente da Alice Bailey (1880 – 1949), discepola della Blavatsky, con il nome originario “Lucifer Trust” – ad oggi è l’unica organizzazione spirituale riconosciuta e presente all’interno dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), tant’è che ad essa è stata riservata una sala apposita.
La Lucis Trust è inoltre membro del Consiglio Economico e Sociale (a quale scopo? e perchè?).
Questa organizzazzione si occupa, tra le tante cose, anche di pubblicazioni e scritti: non è un caso che, tra i libri promossi, ve ne siano diversi riguardo la massoneria ed il suo “beneficio per l’umanità”.
I motti principali della Lucis Trust sono: “Non c’è religione più elevata della stessa verità” e “A favore del lavoro spirituale delle Nazioni Unite per la liberazione dell’umanità”.
Al di là dei fini poco chiari, rimane ancora oggi un mistero la sua effettiva presenza all’interno dell’ONU ed il suo ruolo.

 

 

Il programma che regola tale organizzazione aggiunge ulteriori perplessità.
Completamente incentrato sull'”educazione delle coscienze“, sull”illuminazione del mondo” e sul “controllo delle nascite” (dichiarazione del 1972), riporta inevitabilmente la memoria ai regimi dittatoriali del XX secolo o, ancora peggio, alla lettera di Pike citata in precedenza.
Tuttavia, sebbene le intenzioni di questo “club” possano risultare effettivamente sospette, per le grandi organizzazzioni internazionali evidentemente non lo sono: tra gli “ambasciatori” della “Buona Volontà Mondiale” (fondazione inaugurata nel 1932 dagli stessi esponenti della Lucis Trust) troviamo l’UNESCO, l’UNICEF, l’UNODC e molti altri ancora.
Ovviamente, come abbiamo già ricordato, tutte le convinzioni della Lucifer Trust si rifanno alla Blavatsky e cercano quindi d’assemblarsi alla New Age moderna, promuovendo credenze sulla reincarnazione, sugli ufo, sull’uomo-Dio e sull’assenza di peccato.
In molti hanno inoltre il sospetto che la stessa Lucis Trust sia il finanziatore (nascosto) di molti movimenti mondiali di lotta di classe, simil-pacifisti, prodotti anticristiani come “Zeitgeist” e le cosiddette Georgia Guidestones.
Proprio in queste guidestones, ovvero tavole di granito che tendono a scimmiottare le Tavole della Legge di Mosè, molti credono si possano rintracciare quelli che sono i programmi per l’umanità da parte di questi “pacifisti”:

 

1) Mantieni l’Umanità sotto 500.000.000 in perenne equilibrio con la natura. (Sterminio di massa?)
2) Guida saggiamente la riproduzione, migliorando salute e diversità. (Controllo forzato delle nascite?)
3) Unisci l’Umanità con una nuova lingua viva. (Governo mondiale?)
4) Domina passione, fede, tradizione e tutte le cose con la sobria ragione. (Eliminazione delle religioni abramitiche?)
5) Proteggi popoli e nazioni con giuste leggi e tribunali imparziali.
6) Lascia che tutte le nazioni si governino internamente, e risolvi le dispute esterne in un tribunale mondiale.
7) Evita leggi poco importanti e funzionari inutili.
8) Bilancia i diritti personali con i doveri sociali.
9) Apprezza verità, bellezza e amore, ricercando l’armonia con l’infinito. (La dottria New Age? Il Luciferianesimo?)
10) Non essere un cancro sulla terra, lascia spazio alla natura, lascia spazio alla natura.

 

Su di un lato vi è inoltre una scritta che recita: “Lascia che queste pietre-guida conducano a un’era della ragione.” Si fa presumibilmente riferimento all'”Era dell’Acquario” e l’Era di Lucifero menzionata dalla Blavatsky.
Non ci stupisce dunque il fatto che molti personaggi del mondo della musica, della televisione, del cinema e della politica ritengano queste “leggi” giuste e ragionevoli, mentre allo stesso tempo rigettano e diffamano i 10 Comandamenti.
In questo troviamo l’inganno supremo: ribaltare la realtà, ovvero far passare il male come bene e viceversa.
Come se non bastasse, di recente la Lucis Trust ha pubblicato anche un libro dal nome “The Reappearance of The Christ” (“La riapparizione di Cristo”), un titolo decisamente esplicito che lascia spazio a poche interpretazioni, in special modo a chi conosce bene il libro ultimo del Nuovo Testamento.

 

 

Questo piccolo viaggio nella storia e nel mondo moderno, seppur breve e superficiale, vuol descrivere una realtà che per molti sembrerebbe rasentare l’assurdo, ma pienamente verificabile e veritiera. Siamo allo stesso tempo pienamente coscienti del fatto che esistano seguaci e devoti della New Age completamente ignari di tutto ciò e decisamente distanti dalle idee folli di queste organizzazioni.

 

Commenti

  1. Salve, riprovo a inviare un commento da me inviato qualche giorno fa, in caso ci fossero stati problemi tecnici. Nel caso invece che non fosse stato gradito, abbiate pazienza, capirò che anche qui non si pubblicano commenti sgraditi o scomodi.

    Gentili Redattori, la new age non esiste. Non esiste come sistema unico, come religione unica, e lo scrivete anche voi: “Non esistono strutture ufficiali o linee guida”. Invece tutti la presentano, e voi vi accodate – per comodità o forse per interesse – come se invece lo fosse. Il risultato è superficiale, e di nuovo lo confermate voi stessi: “viaggio breve e superficiale”. Strano però. Di solito i cattolici d.o.c. sono persone scrupolose. Peccato.

    • Salve,
      La invitiamo ad avere altrettanto scrupolo nel leggere ciò che è scritto sotto al form dei commenti, in bella vista: “Tutti i commenti sono soggetti a moderazione“.
      Ciò implica che un commento, prima di essere visibile a tutti, deve essere approvato.
      Evitiamo dunque il solito noioso complottismo del “commento scomodo”. Abbiamo sempre lasciato libero spazio a tutti, crediamo nella libertà di espressione e di critica civile.
       
      La pace sia con lei! Ειρήνη σοῦ;
      La redazione

      • Buongiorno,
        Dopo una settimana dall’invio del commento la prima spiegazione che mi sono dato della mancata pubblicazione è stato il problema tecnico (forse il mio computer aveva avuto problemi nell’invio o forse il vostro sito nella ricezione). Solo dopo ho pensato che il commento potesse non essere stato gradito. Invece il vostro primo pensiero è quello del complottismo. Ne prendo atto.

        Quanto alla moderazione, non mi sarebbe mai venuto in mente che i commenti vi potessero essere soggetti! Vi ringrazio dell’informazione. Tuttavia, per tornare alla questione dello scrupolo, forse non sarebbe superfluo aggiungere che la moderazione potrà richiedere qualche giorno. Così togliereste alibi ai complottisti, no?

        Per quanto riguarda l’articolo, rileggendolo mi pare che un titolo non fuorviante e per l’appunto scrupoloso sarebbe “Teosofia” oppure “Lucis trust”. Infatti il vostro articolo identifica la new age con la Teosofia e con la Lucis Trust. Identificazione indebita visto che, ripeto, la new age come religione od organizzazione unica non esiste.

  2. Alice Bailey è una pessima scrittrice che mischia roba cristiana che piace a voi a roba orientale. Infatti è un’altra cristiana, al pari di voi. tutti i teosofi sono cristiani, cambiano giusto qualcosina, ma sono ridicoli. germinati nelle vostre stesse idee e simbolismo.

    L’occultismo vero, per essere occultismo, non necessita di roba e simbologia cristiana.

    • Salve,
      La ringraziamo per i numerosi commenti (ben 12 in un’ora!) che ha lasciato nei nostri articoli, evidentemente i temi del sito la appassionano molto. Ne siamo lieti.
      Detto questo, tutti i commenti prima d’essere pubblicati devono essere approvati. Non si preoccupi, l’Inquisizione che lei cita in altri commenti non esiste più da almeno 300 anni. Siamo sempre aperti al confronto, anche con chi ama provocare.
      Detto questo, purtoppo non disponiamo di tutto il tempo libero di cui lei probabilmente dispone, pertanto le possiamo assicurare che replicheremo con calma – ed appena possibile – ai suoi commenti sparsi per il sito.
       
      La pace sia con lei! Ειρήνη σοῦ;
      La redazione

Commenta

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.